6 programmi fondamentali per social coach

Ci sono molti luoghi dove puoi costruire la tua vetrina.

Solo alcuni però restano solidi da abbastanza tempo per meritarsi uno spazio nel capitolo delle piattaforme. Sicuramente ne troverai alcuni più adatti a te e altri meno, ma ognuna ha delle caratteristiche specifiche che la rendono unica.

Di sicuro c’è solo una cosa; in qualsiasi piattaforma pianti la tua bandierina, l’inizio sarà tremendamente difficile, ma dopo un certo periodo di tempo e un certo numero di sforzi, le cose andranno meglio. Prima un pochino meglio, poi molto meglio.

Il problema è che quasi tutti mollano prima di vedere i primi progressi e sai perché? Perché non sappiamo quando arrivano. È un salto di fede, per questo solo pochi ce la fanno, perché vanno avanti lo stesso anche se i progressi non arrivano.

Tutti gli altri, si fermano e provano un’altra cosa. Che all’inizio non va e e nemmeno dopo qualche settimana, così si fermano e provano un’altra cosa. E via così.

Ti svelo un segreto, non c’è nulla che va bene da subito.

Certo esistono storie di persone che improvvisamente hanno avuto un successo enorme, ma di norma le possibilità sono due:

1. Sono dei maledetti geni

2. Vediamo solo la parte finale e non gli anni che ci sono voluti a raggiungere quel momento.

Ricapitolando, su 100, 99 mollano.

Di questo 1% solo pochi riesce. Questo perché anche chi non molla non è detto che abbia una strategia in mente. Andare avanti a testa bassa non va bene lo stesso. 

Certo è che se già ti metti in testa di non mollare mai sei sulla buona strada.

Non è detto però, che sia sempre così, perciò è meglio, come dice Orazio, scegliere l’angolo di terra che più ti sorride.

Sorridere, nel nostro caso specifico vuol dire scegliere la piattaforma che più si adatta alle nostre caratteristiche.

Devo però precisare che a mio avviso ci sono delle scelte quasi obbligate, a meno che ti non sia già avanti nel tuo percorso. Magari hai 200.000 follower su YouTube e vendi già iil tuo super prodotto.

Se non è questo il caso allora dobbiamo farci tutti un pò le ossa nella stessa strada.

La strada ideale

Per questo credo che la strada “ideale” per la maggior parte delle persone sia quella che ti permette di avere più seguito, più velocemente.

Partendo da questo presupposto, metterò in ordine di importanza le piattaforme in modo tale da darti una strada da percorrere, almeno all’inizio.

Premettendo che si può “sfondare” su qualsiasi piattaforma, come si può anche fallire su qualsiasi piattaforma, io ti consiglio di dedicarti prima a:

1. Instagram

2. Mailchimp

3. Facebook

4. Telegram

5. Spotify

6. Youtube

Questo mondo cambia velocemente, quindi userò questa sequenza come esempio, anche se credo che nei prossimi anni le cose non cambieranno così drasticamente.

Però potrei trovarmi a dover sostituire questo capito con una sezione rivista tra 5 o 10 anni, dove i protagonisti in campo non sono più gli stessi.

In ogni caso ad oggi questa è un’ottima sequenza di lancio.

Marco

Ehi! Ti piacerebbe entrare
nella prima community italiana di coach online?
Allora lascia la mail qui sotto.
Riceverai anche del materiale formativo esclusivo direttamente via mail.